logo
I mattoni della tua Citta

 
 Menù

Home page
 Notizie dai quartieri
 - Numeri utili
 - Link utili
 - Servizi sociali
 Mercati di Torino
 Storia di Torino
 Accadde a Torino
 Musei di Torino
 Fiere di Torino
 Farmacie di Torino
 Circoscrizioni
 Proverbi torinesi
 Città gemellate
 Personaggi famosi
 Quanti siamo?

 Fotografie
 Galleria fotografica
 Panoramiche
 Filmati (multimedia)
 Torino dal Satellite
Accadde... a Torino


 Arrivare a Torino
 In auto
 In treno
 In aereo
 Servizi a Torino
 Trasporti pubblici
 Autonoleggio
 Taxi

Proverbi torinesi e piemontesi

Sa l'è nen bon per al re l'è gnanca bon per la regina
Se non serve al re non può servire neppure alla regina

Fé san Martin
Fare san Martino (11 novembre)

Coragi fieuj, s'i pioma nen noi San Martin, j'alman an fan fé San Martin a noi
Coraggio ragazzi, se non prendiamo noi San Martino, saranno gli Austriaci a farci fare San Martino

A forsa ‘d nuiusé cáich cos a s’ gava sempre
A forza d’importunare qualcosa si ottiene

L’aj a l’è le spesiàri d’i paisan
L’aglio è il farmacista dei contadini

A caval sprùn a la fùmna bastùn
A un cavallo sprone, alla moglie bastone

A ese galantom as dventa nen sgnùr
A essere galantuomo non si diventa ricco

A gùssa a gùssa a s’ fora la pera
A goccia a goccia si buca la roccia

A fese bin vurei a-i va ben poc
A farsi benvolere basta poco

A-i-è nen ‘d pi bel che ‘na facia cuntenta
Niente v’è di più bello che una faccia contenta

A l’è mac le muntagne c’a s’ancuntru nen
Soltanto le montagne non s’incontrano

A-i-è gnun saba sensa sul, e gnuna dona sens’ amur
Né sabato senza sole né donna senza amore

A-i-è nen bela reusa c’a dventa nen gratacul
Non c'è bella rosa che non diventi grattaculo

A l’è l’istes cùm versé d’aqua ant ‘l Po
E’ come versare acqua in Po

A la seira liùn, a la matin plandrùn
Di sera leone, al mattino poltrone

A-i-è ‘n Diu per i ciuch
Esiste un Dio per gli ubriachi

A cùsta d’ pí a ese cativ che a ese brav
Costa di più essere cattivo – che essere bravo

A túte le cose a-i-va so temp
Ogni cosa ha bisogno di tempo

A San Martin ‘l mùst a l’è vin
A San Martino il mosto è vino

A l’è mai istà s’a-i-è gnúne mùsche
Non è mai estate se mancano le mosche

Cùn l’asu a-i véul ‘l bastùn
Con l’asino ci vuole il bastone

Anbriachese a l’usteria del pùs
Ubriacarsi all’osteria del pozzo

Chi d’amùr as pia d’ rabia as lasa
Chi d’amore s’accoppia di rabbia si lascia

A l’è ben avei d’amiss fin’ a cà del diáu
Conviene avere amici anche in casa del diavolo

All’amis peila ‘l fi, al nemis ‘l pèrsi
All’amico sbuccia il fico, al nemico la pesca

L’amùr a l’è pi fort che ‘l brùs
L’amore è più forte che il formaggio forte

Anada da erba, anada d’ merda
Annata erbosa annata merdosa

Anada da bulé anata da tribulé
Annata fungosa annata penosa

Aria ‘d filúra aria ‘d sepultúra
Corrente di fessura corrente di sepoltura

Asu c’a porta ‘l vin e beiv l’eva
Asino che trasporta il vino e beve l’acqua

Apres a la neuit a-i ven ‘l dí
Dopo la notte ritorna il dì

Anada da vespe anada d’ vin bùn
Anno da vespe anno di vino buono

L’aqua c’a cùr a l’è sempre bùna
L'acqua corrente è sempre buona

Cùl c’a l’è stait brusà da l’aqua cauda a l’à paura fina d’ la freida
Chi si scottò con l’acqua calda teme persin la fredda

L’aqua a fa vní le boie
L’acqua fa venire i vermi

Sut l’aqua fam e sut la fioca pan
Sotto l’acqua fame, sotto la neve pane

Un batocc a peul nen serve per due cioche
Un battaglio non può servire a due campane

‘N bùn busiard venta c’a l’abia d’ bùna memoria
Un buon bugiardo deve avere buona memoria

Basta nen avei rasùn, venta co saveisla fé
Non basta avere ragione, bisogna anche sapersela fare

I bei fieui van fe ‘l suldà – e i macacu stan a ca
I bei ragazzi vanno militari – mentre i macachi se ne stanno a casa

Bel vener brúta duminica
Venerdì bello domenica brutta

Vurùmse bin e scrivùmse mai
Vogliamoci bene e non scriviamoci mai

Buté l’asu a caval
Mettere l’asino a cavallo

Le braie d’j áutri a fan mal al darè
I pantaloni altrui fan male al didietro

L’ bsogn a fa cunose j amis
Il bisogno fa conoscere gli amici

‘L butal a dà ‘l vin c’a l’à
La botte dà il vino che ha

Le busie a sùn cùm j sop, c’a s’ cunosu da luntan
Le bugie, come gli zoppi, si distinguono da lontano

A paghé cum’ a meuire a-i-è sempre temp
Per pagare come per morire c’è sempre tempo

Bel an fassa brút an piassa
Bello in fasce brutto in piazza - Bellezza nella culla bellezza fasulla

La ca va sempre mal quand la fùmna a porta le braje e l’om ‘l scussal
La casa va male se la donna ha le brache e l’uomo il grembiule

Mentre ‘l can a’s grata la levr a scapa
Mentre il cane si gratta la lepre scappa

Cheur cuntent ‘l ciel l'agiúta
Cuor contento il ciel l’aiuta

Cativa lavandera a treuva mai na bùna pera
A lavandaia poco capace – nessuna lastra per appoggio piace

Cherpa pansa pitost che roba avansa
Scoppi anche il ventre ma non si avanzi niente

Per cunose ún a bsogna mangeje pí d’ na volta ansema
Per conoscere qualcuno bisogna stare in tavola con lui più di una volta

Che Santa Lusía a i cunserva la vista, chè a smia che l’aptit a i manca nen
Santa Lucia gli conservi la vista, chè l’appetito pare non gli manchi

Curagi, fieui, scapùma….
Coraggio, ragazzi, scappiamo…

Chi a fa i cùnt sensa l’ostu a i fa dùe volte
Chi fa i conti senza l’oste li fa due volte

Chi à nen testa búta gambe
Chi non ha testa mette gambe

Cùl c’a l’à pí tort a crija pí fort
Chi ha più torto grida più forte

Chi c’a l’è ‘n difet, a l’è ‘n suspet
Chi è in difetto, è in sospetto

Chi à nen a s’ grata
Chi ha niente si gratta

Chi sgata ‘l feu a fa surtí le splúe
Chi fruga il fuoco provoca scintille

Chi pisa ciair s’ n’ anfùt del medich
Chi piscia chiaro se ne frega del medico

Chi fa nen l’à nen
Chi non fa non ha

Chi a sgheira s-ciopa
Chi spreca crepa

Chi a s’ ripara sut na frasca – a pija lon c’a-i casca
Chi si ripara sotto una frasca – riceve ciò che ne casca

Chi dà, peui pija, ‘l diau lu porta via
Chi dà, e poi riprende, il diavolo se lo prende

Chi sa nen fé so mestè, ca sara la butega
Chi non sa il suo mestiere, chiuda bottega

Chi vend a credit a fa un bùn afè, ma suvens a perd l’amis e i dnè
Chi vende a credito fa buoni affari, ma spesso perde l’amico e i denari

Chi a l’à vedú Turin e nen la Venaria l’à cunusú la mare e nen la fia
Chi vide Torino e non La Venaria conobbe la madre e non la figlia

Chi va al mulin a s’anfarina
Chi va al mulino, s’infarina

Duré da Natal a San Stevu
Durare da Natale a Santo Stefano

L’eui del padrun a angrasa ‘l caval
Lo sguardo del padrone fa ingrassare il cavallo

Fa’ che t’ n’ àbie
Procura d’averne

La fioca a mena ‘l sùl
La neve porta sole

La gata fola fa i gatin borgnu
Gatta sciocca fa gattini ciechi

L’istà d’ San Martin a dúra da la seira a la matin
L’estate di San Martino dura dalla sera al mattino

Galina veja a fa bùn brod
Gallina vecchia fa buon brodo

La prima galina c’a canta a l’è cùla c’a l’à fait l’euv
La gallina che per prima canta ha fatto l’uovo

Gieugh d’ man, gieugh d’ vilan
Giuoco di mano, giuoco da villano

La giùventú a l’è la blessa d’ l’asu
La gioventù è la bellezza dell'asino

Intant che l’erba crès ‘l caval a meuir
Mentre l’erba cresce, muore il cavallo

An mancansa d’i cavai j asu a trotu
In mancanza di cavalli trottano gli asini

La mort ciapa tút, bel e brút
La morte arraffa tutto, il bello e il brutto

La neuit a porta cunsei
La notte porta consiglio

Nusgnùr a paga tard ma a paga largh
Iddio paga in ritardo ma paga largo

Nusgnùr a dis: agiút-te che i t’agiutréu
Nostro Signore dice: aiutati e t’aiuterò

Un om pí a l’è bùn, pí a pasa per minciùn
L’uomo più è buono più passa per minchione

Pan e nùs, vita da spùs
Pane e noci, vita da sposi

Piemunteis faus e curteis, italian faus e vilan
Piemontese falso e cortese, italiano falso e villano

‘N poc a prùn fa mal a gnún
Un po’ per uno fa male a nessuno

A pensé ben a-i-è sempre temp
A pensar bene c’è sempre tempo

Prest a let e prest fora del let a fan l’om san e perfet
Presto nel letto e presto su dal letto, uomo sano e perfetto

Quand Superga a l’à ‘l capel, o c’a fa brút o c’a fa bel
Se Superga ha il cappello, o fa brutto o fa bello

Questiùn d’ nen piesla
La cosa importante è non arrabbiarsi

Ramasa neuva ramasa bin la cà
Scopa nuova scopa bene la casa

Il temp a rangia tút
Il tempo aggiusta tutto

‘L vin a l’è la púpa di vei
Il vino è la poppa dei vecchi
 
 Quartieri 
Aurora 
Barriera Milano 
Borgata Vittoria 
Borgo Po 
Cavoretto 
Cenisia 
Centro 
Cit Turin  
Crocetta  
Falchera Villaretto 
Lingotto 
Madonna Camp. 
Madonna Pilone 
Mirafiori Nord 
Mirafiori Sud 
Nizza Millefonti 
Parella  
Pozzo Strada 
Regio Parco B. 
San Donato 
San Paolo 
San Salvario 
Santa Rita  
Vallette Lucento 
Vanchiglia 
 



















 

 

 
Il portale

Inizio Pagina